Visite: 1303

NudoAlCubo

nudoalcubo foto_web

I "Nudo Al Cubo" si formano allo sfumare dell’estate 2007, uniti dall’esigenza di operare una sintesi delle tendenze musicali di ognuno dei giovani componenti.

La gamma sonora proposta da questo quartetto atipico è veramente ampia, la matrice è chiaramente ispirata dalla scena jazz norvegese o dalle sonorità elettroniche della scuola “idm”, “d'n'b”, “glitch”, ma non mancano vaghi accenni alla “world music” o al “dub elettronico”. Così ci si perde in paesaggi sonori che talvolta ci aggrediscono con le loro distorsioni, talvolta ci acquietano al suono di un flicorno.

 

 

STORIA PREMI E PARTECIPAZIONI

 

2007

Nascita della formazione

2008

  • Partecipazione e vittoria del premio “ERSU SASSARI in Musica Autori 2008” al festival "Unimusic Live Nazionale 2008" (concorso musicale a premi indetto dall’ ”ERSU SASSARI”), che, nelle fasi finali, comporta per il gruppo un'esibizione sullo storico palco di piazza IV novembre a Perugia
  • Partecipazione alla rassegna musicale “Locomotive Jazz Festival” (Festival Internazionale Jazz)

2009

  • Partecipazione alla finale regionale pugliese dell’”Italia Wave Love Festival”
  • Partecipazione allo “Streamfest” (festival di cultura eco-digitale)

2011

            La formazione è selezionata tra i migliori produttori pugliesi e partecipa con un’esibizione live alla finale per il “Pooglia Beat Making” (contest per produttori di musica elettronica della Puglia).

 

 

DISCOGRAFIA

2008 Nudo al Cubo - demo

2012 Nudo al Cubo - UOo!

 

 

IL DISCO “UOo!”

UOo! è un lavoro interamente autoprodotto che, con il suo (non-) titolo ribadisce l'intento chiaro e deciso della formazione di affidarsi totalmente alla propria musica lasciando completa libertà interpretativa all'ascoltatore. Ci si libera quasi del tutto del rapporto con la parola e con ogni significato oggettivo per ritornare a fare arte volutamente "fine a se stessa", lì dove, quest'ultima definizione, viene proposta con orgoglio dai quattro come un valore aggiunto, come definizione di quel canovaccio sul quale ognuno potrà tessere le sue impressioni.