Pericopes

Visite: 1686
Stampa

Pericope

Jazz e tradizione europea. Improvvisazione, richiami alla musica afroamericana, evocazione di antiche melodie di tradizione popolare. Un viaggio nei nuovi percorsi del jazz, un progetto di musiche originali nato nel 2007 dopo un intenso lavoro incentrato sull'interplay, e reso possibile dall'incontro di due musicisti con alle spalle un background musicale diversificato. Alessandro Sgobbio ed Emiliano Vernizzi Nel 2012 Pericopes viene presentato come progetto discografico al festival jazz “Pas Grave” di Parigi con il doppio album “The Double Side” per la RamRecords. Questi due capitoli discografici raccolgono il lavoro di questi anni, composizioni emotivamente suddivise nel “colore” dei dischi Lights e Shadows.

 

 

www.pericopes.it

 

Emiliano Vernizzi - sax

Frequenta Clinics della Berklee di Boston (UmbriaJazz 1999), masterclass con John Taylor, Gideon Levensohn, Graham Collier, G.Gaslini, B.Tommaso, G.Trovesi. Consegue la laurea in Jazz con il massimo dei voti. Si perfeziona a New York con Walt Weiskopf, Steve Coleman e Melissa Aldana. Dopo un fecondo periodo a Milano nella Civica Jazz Orchestra (Eddie Daniels, Dave Liebman, Max Roach, Bobby Watson, David Murray, Paolo Fresu, E.Rava, Evan Parker, G.Trovesi, E.Pieranunzi), dal 2000 ad oggi a partecipato a festivals in Italia, Europa ed USA, attivamente coinvolto in vari progetti originali con all’attivo più di venti incisioni discografiche come performer. Collaborazioni tra cui Bobby Durham, Paul Jeffrey, Gianni Cazzola, Steve Grossman, Franco e Stefano Cerri, Marco Tamburini, Tommy Campbell, Felice del Gaudio, Antonio Zambrini, Alberto Tacchini, Roberto Bonati, Max Furian, Rossano Sportiello, ed altri. Nel 2011 incide a Brooklyn-NYC con “Izzy and the Catastrophics” intraprendendo due tour negli USA ed un tour europeo nel 2012. All’attività concertistica affianca collaborazioni in ambito teatrale, produzioni per radio, web-sites e video DVD, attività didattica.

Alessandro Sgobbio - piano

Diplomato in Pianoforte, laureato (110 e lode) al biennio AFAM in Jazz nella classe del M°Roberto Bonati, consegue la laurea con lode in Lettere e Filosofia. Ha studiato pianoforte jazz con Alberto Tacchini e Carlo Morena, clinics della Berklee School di Boston (UmbriaJazz 2001) e Siena Jazz 2007, masterclasses di John Taylor e Misha Alperin. Nel 2008 incide "Il bosco di Beuys" del M° Giorgio Gaslini, e insegna come coadiutore all’interno del corso di Jazz (docente M° Roberto Bonati) presso il Conservatorio di Parma. Nel marzo 2009 registra il suo primo cd da solista “Aforismi Protestanti”  con brani e improvvisazioni ispirati alla tradizione musicale valdese e anglicana. Selezionato al “Martial Solal” (2010) di Parigi e finalista al concorso “Luca Flores” dove riceve il secondo premio. Nonostante viva stabilmente in Francia le sue collaborazioni in patria rimangono attive. Tra queste vi sono il cantautore Francesco Camattini per il quale ha inciso tre album, e realizzazioni musicali per teatro (E.Lazzarini, Federica Bognetti ed il regista Roberto Cavosi). Dal 2005 è dimostratore dei pianoforti Yamaha Clavinova.